Ultima modifica: 17 January 2017

La mission della Scuola – Priorità formative

MISSION DELLA SCUOLA – PRIORITA’ FORMATIVE

      ll territorio d’utenza della Scuola, situata alla periferia nord-est della città, abbraccia quartieri di recente formazione, privi di strutture aggreganti sul piano socio-culturale, ad eccezione di quelle parrocchiali e presenta zone eterogenee per il contesto ambientale, culturale ed economico.

Dalle indagini condotte per la rilevazione dei dati riferiti al contesto socio-familiare di provenienza è emerso, infatti, che molti ragazzi vivono in un nucleo familiare attento al processo educativo dei figli, che collabora con l’Istituzione Scolastica in modo continuo e costruttivo. Altri appartengono a famiglie numerose che utilizzano generalmente il dialetto come lingua di comunicazione. Spesso, in queste realtà familiari, allargate o ridotte ad un solo genitore, mancano gli stimoli culturali e valoriali:  la televisione e la strada sono gli unici mezzi di informazione e di svago.

    Per tali caratteristiche l’Istituto Comprensivo si fa interprete delle problematiche del contesto territoriale su cui agisce, delle aspettative dei genitori e degli alunni, dei bisogni latenti, determinati dai continui mutamenti del mondo attuale, per individuare le priorità formative da perseguire attraverso il curricolo, la progettualità e le varie attività presenti nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa.

    L’itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando tre tipologie di scuola, caratterizzate ciascuna da una specifica identità educativa e professionale, è progressivo e continuo. Ciò consente la realizzazione di un unico curricolo verticale che facilita il raccordo con il secondo ciclo d’istruzione.

   Il curricolo favorisce l’acquisizione dei saperi irrinunciabili sviluppando, al tempo stesso, le dimensioni cognitive, emotive, affettive, sociali, corporee, etiche e religiose di ciascun alunno.

La padronanza degli alfabeti di base si conquista attraverso il raggiungimento dei traguardi riferiti alle  discipline, che permettono di esercitare differenti potenzialità di pensiero nell’interpretazione e nella rappresentazione del mondo.

    Le esperienze di trasversalità e i progetti hanno la funzione di trovare connessioni e raccordi fra le indispensabili conoscenze disciplinari e i problemi complessi della realtà odierna, poiché mettono in atto approcci integrati, atti a promuovere modalità di elaborazione diverse e sempre più complesse.

    Il curricolo d’Istituto mira all’acquisizione di una cittadinanza attiva e responsabile e fissa le seguenti finalità:

  • promuovere il pieno sviluppo della persona umana;
  • formare cittadini che siano al tempo stesso cittadini di uno Stato, dell’Europa e del Mondo, nel rispetto dell’identità culturale di ogni studente;
  • realizzare iniziative che valorizzino la cultura, le tradizioni, le risorse e le ricchezze naturali del territorio;
  • formare individui capaci di scelte autonome, che siano il risultato di un confronto continuo tra i loro progetti di vita e i valori che orientano la società in cui vivono;
  • collaborare per l’attivazione di esperienze formative e progetti di prevenzione in tema di salute e di disagio giovanile;
  • facilitare i processi di integrazione degli alunni con bisogni educativi speciali e degli stranieri.

    Le finalità vengono perseguite attraverso precise