Ultima modifica: 29 November 2017

Accoglienza – Continuità – Orientamento

“A … come  ACCOGLIENZA”

DESTINATARI

  • Tutti gli alunni dell’Istituto, in particolare gli alunni in ingresso

DATA DI INIZIO E DI FINE PROGETTO

  • Intero anno scolastico, con particolare attenzione ai primi mesi di frequenza.

TEMPI:

  • curricolare

MOTIVAZIONI

“…La scuola si deve costruire come luogo accogliente, coinvolgendo in questo compito gli studenti stessi. Sono, infatti, importanti le condizioni che favoriscono lo star bene a scuola, … (da Indicazioni per il curricolo). Con il progetto Accoglienza, la scuola si impegna con opportune azioni e atteggiamenti adeguati da parte di tutti gli operatori, a favorire l’ingresso degli alunni, dei nuovi docenti e delle famiglie nella comunità scolastica.

D’altra parte l’accoglienza rappresenta non solo il momento iniziale dell’inserimento degli alunni e dei docenti nella nuova comunità scolastica, ma una “modalità educativa permanente”, che si attua nell’intero corso di studi ed ha, come principio fondamentale, quello che ogni individuo è portatore di bisogni formativi che vanno realizzati e individualizzati.

OBIETTIVO GENERALE

Sviluppare e rafforzare la stima di sé e la maturazione dell’identità.

OBIETTIVI SPECIFICI

  • Facilitare e stimolare l’inserimento dell’alunno proveniente dall’ordine di scuola precedente
  • Favorire la socializzazione del singolo all’interno della classe
  • Scoprire il piacere di stare con l’altro in un clima sereno
  • Conoscere il nuovo ambiente scolastico

ATTIVITA’

  • Giochi liberi e guidati
  • Attività di routine con la scoperta delle regole di vita quotidiana
  • Memorizzazione di poesie e filastrocche
  • Ascolto di storie e rielaborazione con drammatizzazione
  • Conversazioni in circle time con racconti di vita personale
  • Attività espressive libere e guidate legate al disegno, alla pittura e alla manipolazione di materiali
  • Canzoni riguardanti l’argomento trattato
  • Preparazione di addobbi per la festa dell’accoglienza

FASI DELLE ATTIVITA’

  • Presentazione del progetto
  • Attività ludico – ricreative
  • Narrazione di storie seguite dalla condivisione con gli alunni
  • Realizzazione di cartelloni
  • Memorizzazione di canti

METODOLOGIA

  • Attività incentrate sulla creatività e operatività.
  • Lavori per piccoli e grandi gruppi.
  • Percorsi motori e gare ludiche

RISORSE UMANE

  • Tutti i docenti dell’Istituto
  • Per l’organizzazione delle giornate celebrative: docenti di arte, educazione fisica, sostegno nella Scuola Secondaria di 1° grado

CONTINUITA’

“VERSO UN NUOVO TRAGUARDO” 

DESTINATARI

  • Alunni e docenti dell’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia e alunni e docenti delle classi quinte della Scuola Primaria.
  • Alunni e docenti delle classi quinte della Scuola Primaria e alunni e docenti del primo anno della Scuola Secondaria di primo grado.

DATA DI INIZIO E DI FINE PROGETTO

  • Intero anno scolastico a.s. 2017/2018
  • Giornata di SCUOLA APERTA, ATTIVITA’ DI CONTINUITA’

TEMPI: PROGETTO CURRICULARE 

MOTIVAZIONI

Il progetto continuità, in conformità con quanto richiede la legislazione scolastica, si propone di favorire il passaggio degli alunni dell’ultimo anno della Scuola dell’infanzia e degli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria al nuovo ordine di scuola. L’incontro tra gli insegnanti ha lo scopo di mettere a punto un percorso educativo uniforme e di realizzare una serie di strumenti considerati validi ed appropriati da entrambi i gruppi di insegnanti.

I motivi che hanno determinato il progetto sono la necessità di individuare percorsi di conoscenza ed accoglienza degli alunni iscritti alle classi prime dei due ordini di scuola per :

  • superare l’ansia da prestazione derivante dall’inserimento in una realtà nuova;
  • acquisire conoscenze significative che indirizzino gli interventi;
  • Individuare strategie cognitive che portino ad un processo educativo continuo le competenze trasversali e disciplinari;
  • Costruire attività ponte che consentano agli alunni di sperimentare la collaborazione con i compagni e i docenti del nuovo ordine di scuola;
  • Individuare strumenti di passaggio di informazioni sulle competenze sociali, sugli atteggiamenti di apprendimento e sulle caratteristiche cognitive degli alunni che si iscrivono alla prima classe.

OBIETTIVI GENERALI

INFANZIA/PRIMARIA:

  • Conoscere gli spazi, il personale e il funzionamento della Scuola Primaria;
  • Familiarizzare con le future maestre;
  • Stabilire un rapporto tra Scuola dell’infanzia e Scuola Primaria attraverso la presenza di figure note: insegnanti della Scuola dell’Infanzia nella Scuola Primaria;
  • Riflettere su aspettative, interessi, emozioni, stati d’animo, comportamenti, rapporto con gli altri e con la scuola.

 

PRIMARIA/SECONDARIA DI 1° GRADO:

  • Condividere con gli insegnanti della Scuola Secondaria di primo grado strategie e metodi di lavoro;
  • Creare un filo conduttore tra l’apprendimento nella Scuola Primaria e quello nella Scuola Secondaria di primo grado;
  • Far vivere l’esperienza di giornate di studio alla Secondaria di 1° grado;
  • Valorizzare gli elementi di continuità: far conoscere le attività svolte nella Scuola Primaria;
  • Facilitare l’inserimento degli alunni nella nuova scuola;
  • Conoscere luoghi e attività proposte alla Scuola Secondaria di 1° grado.

PIANO DELLE ATTIVITÀ

Incontri con le insegnanti della Scuola dell’Infanzia/ Scuola Primaria classi quinte e insegnanti delle classi quinte della Scuola Primaria e secondaria di 1° grado.

Si prevede la seguente scansione e verterà sui seguenti punti: 

1°  incontro

  1. Accordi per le attività di accoglienza delle sezioni/ classi in uscita;
  2. Scambio di informazioni sulle principali metodologie utilizzate;
  3. Programmazione delle attività previste per l’Open Day.

 2° incontro

  1. Conoscenza degli aspetti salienti dell’itinerario didattico della scuola Primaria.
  2. Attività didattica nelle diverse aree (contenuti essenziali – obiettivi perseguiti – esperienze metodologiche – compiti per casa).
  3. Modalità delle verifiche – criteri e strumenti di valutazione.
  4. Illustrazione delle prove di uscita di italiano, inglese, matematica delle classi quinte -scuola Primaria.
  5. Illustrazione della griglia di sintesi globale della situazione didattica ed educativa di ogni singolo alunno in uscita dalle sezioni/classi e iscritti al segmento successivo.

METODOLOGIA

Attività laboratoriali che sollecitino negli alunni la loro iniziativa, la loro partecipazione, la loro  immaginazione, la loro capacità di risoluzione dei problemi.

DOCENTI IMPEGNATI

  • Insegnanti della Scuola dell’Infanzia, insegnanti delle classi quinte della Scuola Primaria e insegnanti di classi 1^ e 3^ della Scuola Secondaria di primo grado.

TEMPI E MODALITÀ DI SVOLGIMENTO

Gli alunni della Scuola dell’infanzia si recheranno presso il plesso della Scuola Primaria con le loro insegnanti per partecipare alle attività predisposte come da progetto.

Gli alunni delle tre classi quinte, in giornate diverse, si recheranno, accompagnati dalle insegnanti presso il plesso della Scuola Secondaria di 1° grado per partecipare alle attività indicate sul progetto.

 

ORIENTAMENTO

 “QUALE SCUOLA DOPO LA SECONDARIA DI 1° GRADO?” 

DESTINATARI

  • Classi TERZE della Scuola Secondaria di 1° grado

DATA DI INIZIO E DI FINE PROGETTO

Novembre 2017 – febbraio 2018

TEMPI:

  • curricolare

MOTIVAZIONI

L’orientamento è un processo formativo continuo, che inizia con le prime esperienze scolastiche e rappresenta un momento fondamentale per prendere coscienza delle competenze necessarie ad affrontare le scelte di vita scolastiche e professionali.

Consapevole di questi significati, i docenti insieme ai genitori, cercano soprattutto di individuare e valorizzare le motivazioni, le attitudini e gli interessi  degli studenti, mirando a favorire capacità di scelte autonome e ragionate.

L’orientamento è, quindi, un’attività interdisciplinare, si persegue con ciascun insegnamento e, in quanto tale, è un vero e proprio processo formativo teso ad indirizzare l’alunno sulla conoscenza di sé (orientamento formativo) e del mondo circostante (orientamento informativo). Sotto quest’ultimo aspetto la scuola diventa il centro di raccolta delle informazioni provenienti dal mondo esterno, il luogo di rielaborazione e di discussione delle stesse per favorirne l’acquisizione da parte degli allievi attraverso attività organizzate.

OBIETTIVO GENERALE

Il  primo obiettivo generale dell’intervento sarà imparare a conoscere se stesso e la realtà, per scegliere responsabilmente il proprio futuro.

Il secondo obiettivo, ma non secondario è quello di contrastare la dispersione scolastica, monitorando gli alunni in uscita nel loro nuovo percorso scolastico.

OBIETTIVI SPECIFICI

  • Approfondire la conoscenza di se stessi, delle proprie abilità, delle proprie aspirazioni
  • Indicare ai ragazzi criteri adeguati per una scelta consapevole
  • Individuare e confrontare le diverse aree di indirizzo di studi
  • Fornire informazioni sulla nuova normativa
  • Consentire una conoscenza diretta delle scuole superiori
  • Rappresentare un accompagnamento alla scelta consapevole anche e soprattutto per gli alunni più in difficoltà e a rischio di dispersione/abbandono
  • Dare alle famiglie le informazioni necessarie a sostenere e accompagnare i figli in questo percorso
  • Contrastare l’abbandono scolastico
  • Che gli studenti confermino o recuperino la motivazione verso l’apprendimento
  • Che gli alunni comprendano quanto è importante acquisire competenze qualunque sia il percorso successivo scelto
  • Il successo scolastico e formativo degli alunni

ATTIVITA’

Le attività previste nelle due fasi informativa e formativa si svolgeranno non secondo un ordine temporale, ma si alterneranno o saranno condotte rispettando una successione stabilita dal Consiglio di Classe.
Il progetto si articolerà prevalentemente nei mesi di Novembre, Dicembre, Gennaio, e quindi prima della scadenza per la presentazione delle domande di iscrizione alla Scuola Secondaria di Secondo Grado.
FASI DELLE ATTIVITA’

  1. Programmazione di Unità di Apprendimento specifiche in tema di Orientamento nell’ambito della disciplina Cittadinanza e Costituzione e Lettere
  2. Individuazione e programmazione di un periodo all’interno dell’anno scolastico, nel quale ciascun docente del Consiglio di Classe, in orario curricolare, sulla base della propria formazione e delle discipline d’insegnamento, fornisce informazioni sull’offerta formativa e sulle materie d’indirizzo degli Istituti superiori, nonché supporta gli alunni nel riconoscere le proprie potenzialità e attitudini relativamente alle specifiche discipline e agli ambiti di conoscenza
  3. Attività di ascolto, formazione e informazione, in orario curriculare, tenute da un esperto- psicologo sui temi della crescita, della conoscenza del sé e di quello che ci circonda, dello sviluppo dei ragazzi e delle proprie capacità decisionali per una scelta più giusta e consapevole dell’itinerario personale, scolastico e formativo
  4. Attivazione di uno sportello di dialogo con il psicologo on-line sul sito della Scuola per  consulenza e sostegno agli alunni e ai genitori
  5. Incontri con i docenti e peer review, confronto con le esperienze dei ragazzi più grandi ex-alunni delle Scuole Secondarie di 2° grado del  territorio, che presenteranno il loro percorso di studi
  6. Incontri con i docenti referenti dell’orientamento degli Istituti Superiori della provincia e zone limitrofe;
  7. Partecipazione alla Giornata “Open-Day” organizzata dagli Istituti Superiori
  8. Formulazione del Consiglio Orientativo e comunicazione all’alunno e alla famiglia attraverso uno specifico modello predisposto dalla Scuola, compilato in sede di Consiglio di Classe e consegnato in tempo utile per l’iscrizione alla Scuola Superiore.

METODOLOGIA

 Il modello teorico di riferimento attraverso il quale le diverse attività vengono sviluppate è il modello è quello globalistico – interdisciplinare , che considera l’esigenza di orientamento come espressione dell’interazione di una molteplicità di fattori personali, familiari, esperienziali, socioeconomici e culturali. Questo modello tiene conto della globalità della persona in termini di interessi, bisogni, attitudini, insieme a tutti i fattori sociali che devono essere conosciuti dal soggetto per ritrovare una propria identità personale e professionale. L’orientamento è visto come sintesi di due elementi interagenti: da un lato bisogni, interessi e attitudini personali per favorire il pieno  sviluppo della persona, dall’altro la conoscenza della realtà esterna e le competenze necessarie per consentire il suo inserimento attivo nel contesto sociale.

 RISORSE UMANE

  • Dirigente Scolastico
  • Docenti di lettere, coadiuvati dai docenti del Consiglio di Classe.
  • Rappresentanti di alcune scuole del territorio, rappresentative di tutte le tipologie di Scuola Secondaria di 2° grado, che vengono accolti ad una giornata a scuola per presentare il loro istituto.
  • Esperto esterno.

RISORSE MATERIALI PREVISTE

  • compenso per l’esperto esterno/consulente in materia di Orientamento

 

Progetto P.T.O.F. Orientamento a.s. 2017/2018

“ORIENTAmente…per una scelta consapevole del proprio futuro”

CALENDARIO INCONTRI

 

INFORMATI PER SCEGLIERE

Licei

Istituti Tecnici

Istituti Professionali